Come superare le barriere della mente dei tuoi clienti. — Valerio Labaro
4 minuti di lettura

Come superare le barriere della mente dei tuoi clienti.

Abbiamo sempre meno tempo e la nostra soglia dell’attenzione è calata drasticamente dopo l’avvento di Internet.

Oggi siamo costantemente bombardati di informazioni, di pubblicità e di prodotti.

Ovunque ci giriamo c’è una pubblicità, che sia su un monitor o girando per strada.

Quando andiamo al supermercato o scrolliamo su Amazon c’è talmente tanta roba che non sappiamo più cosa scegliere.

Tutti cercano di venderci qualcosa e istintivamente la nostra mente attiva il suo meccanismo di sopravvivenza per difenderci.

L’unica possibilità che abbiamo come brand per catturare l’attenzione delle persone ed essere ricordati è capire come funziona la mente.

Come funziona la mente

La mente è il terreno fertile dove il brand si radica e trova le condizioni ideali per vivere.

Filtra istintivamente nell’inconscio tutte le informazioni che riceve e, in media, prende in considerazione solo il 5% di quelle.

Il 95% viene scartato e la risposta a questo meccanismo sta nel nostro cervello trino composto da:

  1. Neocorteccia
  2. Sistema Limbico
  3. Complesso Rettiliano

Andiamo ad analizzarli uno per uno per capire come superare le barriere della mente dei tuoi clienti per catturare la loro attenzione e fare in modo che si ricordino del tuo brand.

NEOCORTECCIA

La neocorteccia è la parte più esterna e più giovane del nostro cervello, sviluppata circa 150 milioni di anni fa.

È ciò che ci distingue dagli animali perché è responsabile di processare:

• linguaggio
• pensieri consci
• pensieri complessi
• calcoli
• ragionamento razionale

SISTEMA LIMBICO

Si tratta della parte di mezzo del cervello, sviluppata circa 250 Milioni di anni fa, e rappresenta il confine tra la Neocorteccia e il Complesso Rettiliano.

Il Limbico è responsabile di processare:

• risposte emotive
• sentimenti
• formazione e richiamo della memoria

Il limbico è il motivo per il quale i ricordi sono molto più nitidi se associati a delle emozioni.

Ad esempio hai presente quando senti quella canzone che ti ricorda un momento preciso della tua vita?

Ecco, questo succede perché nel momento in cui stavi ascoltando quella canzone stavi provando un’emozione talmente forte da permetterti di ricordare quel momento anche a distanza di tanti anni.

COMPLESSO RETTILIANO

È la parte più antica del nostro cervello, sviluppata circa 500 Milioni di anni fa.

Il suo ruolo è quello di assicurarci la sopravvivenza e la riproduzione della specie. Controlla le nostre funzioni istintive e inconsce come respirare o sudare.

Dato che la sua funzione principale è quella di mantenerci in vita, nasce per conservare le energie nel caso in cui dovessimo scappare da un predatore.

Esso è responsabile di:

• valutazioni inconsce
• istinto di sopravvivenza
• preservare le energie
• difenderci da pericoli

Come sfruttare la mente

Tutta l’energia preservata dal Rettiliano come istinto di sopravvivenza è il motivo per il quale filtriamo inconsciamente il 95% delle informazioni.

La mente, soprattutto nel contesto odierno di bombardamento informativo, filtra istintivamente e inconsciamente tutto ciò che percepisce superfluo.

Se rendi la comunicazione difficile da comprendere, attraverso parole complesse, gergo e frasi lunghe, stai indirettamente chiedendo alla mente dei tuoi clienti di sacrificare le loro energie.

Il risultato? La loro mente caccerà istintivamente fuori il tuo messaggio senza che loro ne siano consci. Non ti prenderanno in considerazione.

Puoi quindi sfruttare la mente attraverso un messaggio semplice per superare la barriera del Rettiliano, ma non è tutto.

Hai anche bisogno che queste informazioni rimangano impresse nella mente se vuoi essere ricordato. Per questo puoi sfruttare il Sistema Limbico.

Se il messaggio risuona nelle emozioni del tuo pubblico sarà molto più facile che si ricordino del tuo brand.

Come puoi farlo? L’unico modo è definire il tuo Brand Positioning, ti invito a leggere l’articolo dedicato.

Andando nel concreto, prima ancora di parlare delle caratteristiche del tuo prodotto, del tuo servizio o della tua azienda (che sono informazioni complesse per la mente) dovresti dare al tuo pubblico un vero motivo per prenderti in considerazione.

Quel motivo deve essere semplice e focalizzato su un beneficio emozionale.

Ad esempio c’è un’abissale differenza tra questi 2 messaggi:

  • una crema per il prurito che profuma di lavanda, si assorbe rapidamente e non unge i vestiti.
  • Liberati dal prurito.

Quale dei 2 messaggi prenderesti in considerazione?

Il primo messaggio è lungo, complesso, difficile da ricordare ed è focalizzato sul problema: il prurito.

Il secondo messaggio è semplice, corto e focalizzato sul beneficio emozionale derivante dalla soluzione: la liberazione dal prurito.

In questo caso la liberazione dal prurito è il beneficio che comporta una serie di emozioni positive. Che tu lo faccia attraverso una crema, uno spray o una polvere poco importa.

Perché i tuoi clienti non comprano una crema per il prurito, comprano la liberazione dal prurito.

Alla prossima,
Valerio

Solo chi si evolve evita l’estinzione dalla giungla competitiva. Da che parte vuoi stare?